Il progetto

Il progetto prevede la sostituzione di alcuni tratti della rete idrica. L'intervento rientra nella pianificazione di Gruppo CAP per la manutenzione periodica delle reti di acquedotto e la sostituzione preventiva dei tratti che risultano particolarmente datati, per evitare rotture future con conseguenti difficoltà nel servizio.

Nel dettaglio

Poiché la rete esistente è in fibrocemento, si è deciso, una volta realizzata la nuova rete in acciaio, di rimuoverla e smaltirla secondo le norme vigenti, garantendo in questo modo la sicurezza anche futura degli operatori e delle persone residenti nella zona. Le tubazioni in fibrocemento, interrate e integre, non costituiscono una fonte di pericolo per la salute pubblica, ma richiedono una manutenzione particolare, effettuata in assoluta sicurezza. Per questo motivo la rimozione delle condotte è stata affidata a una ditta specializzata, iscritta all’Albo Nazionale dei Gestori Ambientali categoria 10 “Bonifica di beni contenenti amianto”.

La profondità media di scavo risulta pari a -1,40 metri da piano campagna. Al termine dei lavori verrà effettuato un ripristino provvisorio del manto stradale. Il ripristino definitivo e la segnaletica orizzontale saranno effettuati dopo il necessario tempo di assestamento del terreno.

Via Lunghezza m Diamentro mm Dove
Firenze 140 80 Da via Risorgimento a Via Breda
Parpagliona 230 80 Da via Catania a via Edil Melzi e figli
Marzabotto 115 125 Da via Catania a piazzale Hiroshima e Nagasaky
Catania 410 150 Da via Parpigliona a via Pisa
Forli 230 150 Da via Marzabotto a via Pisa
Savona 230 125 Da via Marzabotto a via Pisa
Pisa 540 125 Da via Achille Grandi al civico 198
Grandi 200 200 Da via Pisa a via Volontari del Sangue
Sacco e Vanzetti 210 150 Da via Pisa a via Sacco e Vanzetti
Madonna del Bosco 110 100 Da via Pisa a via Sacco e Vanzetti
text-slider-background text-slider-background text-slider-background text-slider-background
  • Piano di lavoro
  • Fase 1
  • Fase 2
  • Fase 3

Il piano di lavoro è presentato alla ATS e al Comune 30 giorni prima dell’inizio dei lavori per ottenere l’approvazione. Le attività sono realizzate da aziende e tecnici altamente specializzati, iscritti all’Albo Nazionale dei gestori Ambientali e abilitati per la bonifica dell’amianto e per il trasporto dei rifiuti pericolosi. La direzione dei lavori e il coordinamento della sicurezza sono affidati ai tecnici di Gruppo CAP.

Il nostro primo obiettivo è la sicurezza delle persone che operano nel cantiere e che transitano o risiedono nelle sue vicinanze. La prime misure per la messa in sicurezza sono state: individuazione e mappatura delle reti interrate (tracciato, profondità, materiali) seguite da indagini specifiche sul territorio (geologiche, geofisiche e di campionamento).

Prima di intervenire sulla rete in cemento - amianto, viene realizzata la nuova rete in acciaio. La prima parte del piano di lavoro consiste nella posa e messa in esercizio della nuova rete, che viene prima collaudata e attivata. Dopodichè il tratto di rete in fibrocemento è messa fuori esercizio, mentre l'acqua che arriva ai cittadini passa già dalla rete appena posata. Questa tecnica di lavoro consente di non interrompere l'erogazione dell'acqua durante i lavori di sostituzione della rete idrica.

Successivamente si procede alla rimozione della vecchia rete in fibrocemento. Questa fase delle lavorazioni è quella che prevede diverse misure di sicurezza a garanzia delle persone che lavorano nel cantiere e dei cittadini che transitano o risiedono nelle vicinanze.

Contatti

Se vuoi fare una segnalazione o approfondire le tematiche relative a questo cantiere, scrivici