CASCIA: COLLABORAZIONE CON L'ATO PER IL POST-TERREMOTO

Una struttura polivalente e una casa dell’acqua proveniente da Expo 2015 per il Comune e le famiglie ancora senza abitazione.

Ospiterà aule scolastiche, uffici pubblici oggi inagibili, ma anche famiglie e cittadini ancora senza casa. Poi, a ricostruzione avvenuta, i locali potranno essere facilmente riconvertiti per altre funzioni e servizi. L’appello del Comune di Cascia, uno dei più colpiti dalle scosse della scorsa estate, per realizzare nella cittadina umbra una struttura polivalente è stato raccolto dall’ATO della Città metropolitana di Milano. Proprio a Cascia saranno quindi destinati gli sforzi dell’Ufficio d’Ambito della Città metropolitana di Milano e di Gruppo CAP, che ha deciso di sostenere l’intervento anche con la ricollocazione di una delle Casa dell’Acqua realizzate per Expo 2015, che potrà dissetare gli abitanti del comune umbro.

Saranno gli introiti derivanti dalle multe per violazioni su scarichi in pubblica fognatura, a finanziare il progetto: l’ATO della Città metropolitana ha deciso infatti di destinare a Cascia in tutto circa 200mila euro di sanzioni amministrative. Dopo una serie di contatti con ATI3 Umbria, l’azienda idrica che opera in quei territori, e il Comune di Cascia, i soldi stanziati serviranno a realizzare entro l’autunno la struttura antisismica polivalente in legno lamellare. In questo modo saranno messi a disposizione della popolazione circa 250 metri quadrati coperti che, una volta completata la ricostruzione post terremoto, saranno facilmente riconvertiti per altre funzioni. Mentre l’Ufficio d’Ambito finanzierà l’intervento, la sua progettazione e realizzazione è stata affidata a Gruppo CAP, che metterà esperienza e competenze a disposizione dell’ATO e del Comune di Cascia, partecipando attivamente alla ricostruzione nelle zone terremotate del Centro Italia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nella foto da sinistra: Il presidente di Gruppo CAP Alessandro Russo, il Sindaco di Cascia Gino Emili, il Direttore Generale dell'Ufficio d'Ambito Italia Pepe e il presidente dell'ATO Città metropolitana di Milano Egidio Fedele dell'Orto.

 


torna all'elenco

Visualizza la carta dei servizi

Vai