BioPiattaforma

Il progetto

La sostenibilità, al centro delle politiche europee e nazionali da anni, rappresenta un’opportunità per dare il via a un sistema economico circolare basato sul riuso e il riciclo della materia.
BioPiattaforma di Sesto San Giovanni è il progetto di simbiosi industriale che trasforma il termovalorizzatore e il depuratore (già dotato di 2 digestori) in una biopiattaforma dedicata all’economia circolare carbon neutral. L’iniziativa è per Gruppo CAP un passo in avanti verso l’utilizzo di sistemi virtuosi e innovativi di gestione dei rifiuti.

Le linee produttive

La struttura prevede due linee produttive: la prima dedicata al trattamento dei fanghi derivanti dalla depurazione delle acque; la seconda di digestione anaerobica per il trattamento dei rifiuti umidi (FORSU).

Linea fanghi
Il termoimpianto, prima linea produttiva, valorizza 65.000 tonnellate/anno di fanghi umidi pari a 14.100 tonnellate/anno di fanghi prodotti dai depuratori, generando 11.120 MWh/anno di calore per il teleriscaldamento e fosforo come fertilizzante.

Linea FORSU
La seconda linea produttiva tratta 30.000 tonnellate/anno di rifiuti umidi (FORSU) per la produzione di biometano e serve i 6 comuni lombardi: Sesto San Giovanni, Pioltello, Cormano, Segrate, Cologno Monzese e Cinisello Balsamo.

Innovazione al servizio dell'ambiente

La BioPiattaforma è un esempio di ambientalismo migliorativo. Il progetto garantisce la nascita di un sistema virtuoso di trattamento rifiuti il cui impatto sul territorio è minimo, grazie alle tecnologie impiegate e alle soluzioni individuate.

Ridotte
emissioni

L’impianto è carbon neutral, cioè a zero emissioni di C02 di origine fossile.

Energia
green

Si produce biometano e fertilizzanti dalla digestione anaerobica, calore dalla depurazione delle acque.

Zero
odori

Sistemi di depurazione, captazione delle arie, biofiltri, porte a impacchettamento per l’isolamento atmosferico.

Sviluppo
territoriale

L’impianto fornisce un forte impulso alla raccolta differenziata, portando benefici al territorio in termini ambientali ed economici.

BioPiattaformaLab

Dare voce al territorio in maniera efficace e concreta. Offrire alla cittadinanza, alle associazioni, a gruppi e comitati locali dando la possibilità di prendere parte alla definizione di un processo strategico. Fornire tutte le informazioni con la massima trasparenza ed esaustività. Instaurare un rapporto di dialogo e confronto aperto e continuativo. 

Sono queste le linee guida che definiscono gli obiettivi di BioPiattaformaLab, il percorso partecipativo dedicato alla cittadinanza e alle organizzazioni del territorio legato al progetto di trasformazione del termovalorizzatore di Sesto San Giovanni nella biopiattaforma. Proposto dai comuni di Sesto San Giovanni, Cologno Monzese, Pioltello, Cormano e Segrate, il processo partecipativo mira al coinvolgimento attivo della comunità di cittadini e di tutti quei soggetti che normalmente non hanno la possibilità di esprimersi direttamente nelle sedi istituzionali, come le conferenze dei servizi.

È presente all'interno del BioPiattaforma, il RAB o Comitato consultivo dei cittadini che è l’organismo che ha l’obiettivo di monitorare l’attività dell’impianto, di verificare il rispetto degli impegni presi, e di favorire un dialogo continuativo, trasparente e costruttivo tra le parti coinvolte.