Come leggere la bolletta dell'acqua

La bolletta dell'acqua contiene numerose voci e non sempre è facile capire a cosa si riferiscano. Per rendere più semplice la lettura della bolletta, abbiamo riportato un glossario con i termini che utilizziamo per indicare costi e servizi. 

Clicca sulle lettere e inizia la ricerca. Per ogni termine troverai una descrizione testuale e un'immagine con un esempio di bolletta dell'acqua per indicarti il punto esatto in cui si trova. 

Puoi anche scaricare il glossario in formato PDF e stamparlo per averlo sempre a portata di mano per leggere le prossime bollette.

Acquedotto

Tramite il servizio di acquedotto l'acqua viene prelevata dalla fonte, trattata mediante la potabilizzazione e immessa nella rete idrica, per la distribuzione alle utenze. Il corrispettivo per il servizio acquedotto è costituito da una quota fissa indipendente dai consumi effettuati ed una quota variabile (euro/mc) in base di metri cubi consumati e differenziata per scaglioni di consumo.

Addebiti e accrediti vari

Comprendono addebiti o accrediti diversi da quelli di fornitura dei servizi di acquedotto, fognatura, depurazione e dalla quota fissa. Sono invece legati ad esempio agli interessi di mora o agli indennizzi previsti dalla Carta del Servizio Idrico Integrato. In bolletta deve essere sempre evidenziato a cosa si riferiscono e in base alla loro tipologia possono essere soggetti o meno a IVA.

Autolettura

Per poterti fatturare consumi più realistici chiediamo la tua collaborazione, invitandoti a comunicarci periodicamente la lettura del tuo contatore. In ogni bolletta è indicato il periodo entro il quale puoi effettuare l'autolettura.

Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA)

È un'autorità amministrativa indipendente, istituita con la legge 14 novembre 1995 n. 481, che ha il compito di tutelare gli interessi dei consumatori, di promuovere la conoscenza, l'efficienza e la diffusione di servizi sul territorio nazionale. Dal 2012 sono state attribuite all’ARERA le funzioni attinenti alla regolazione e al controllo dei servizi idrici. 

Bonus idrico

Corrisponde all’importo relativo alla quota di bonus sociale idrico accreditato nella bolletta e calcolato in base al numero di beneficiari e ai giorni di consumo fatturati. 

Carta del Servizio Idrico Integrato

È il documento previsto dalla normativa con cui il gestore (Gruppo CAP) si impegna a rispettare determinati standard di qualità che riguardano i tempi massimi di esecuzione delle principali prestazioni. Nel caso di mancato rispetto di uno degli standard, in quanto cliente hai diritto a un indennizzo che sarà accreditato in bolletta. Se vuoi consultare la Carta la trovi a fondo pagina, richiedila inviando un’email a assistenza.cliente@gruppocap.it oppure chiamando il Servizio clienti al numero 800.428.428. 

Conguaglio

Il conguaglio è la differenza tra i consumi stimati e quelli effettivi. Nella bolletta di conguaglio, i corrispettivi per il servizio sono calcolati su consumi determinati tra due letture effettive del contatore (eseguite da Gruppo CAP oppure trasmesse dal cliente). Vengono detratti gli importi precedentemente pagati con le bollette di acconto e l’importo indicato in bolletta costituisce l’eventuale saldo da pagare. Nel caso in cui gli acconti versati fossero stati superiori a quanto dovuto, la bolletta risulterà di importo negativo (bolletta negativa) e l’importo sarà o accreditato sulla bolletta successiva oppure rimborsato tramite bonifico sul conto corrente che sarà indicato dal cliente.

Consumi effettivi nel periodo

Sono i consumi di acqua in metri cubi relativi al periodo trascorso tra due letture del contatore. Sono pertanto pari alla differenza tra i numeri indicati dal contatore al momento dell’ultima lettura rilevata (o dell’ultima autolettura) e i numeri indicati dal contatore al momento della precedente lettura rilevata (o della precedente autolettura).

Consumi fatturati nel periodo

Sono i consumi d’acqua in metri cubi che stai pagando in bolletta. Sono determinati dai consumi effettivi del periodo a cui sono sommati i consumi stimati della bolletta attuale e sottratti i consumi stimati già fatturati nelle bollette precedenti. 

Consumi stimati

Sono i consumi di acqua in metri cubi che vengono attribuiti in mancanza di letture rilevate o di autoletture e sono calcolati applicando il consumo medio giornaliero al numero di giorni del periodo stimato.

Consumo medio annuo (CA)

È il consumo in metri cubi calcolato sulla base di un consumo registrato tra due letture effettive rilevate, in un periodo non inferiore a 300 giorni solari e tenendo conto della variazione dei consumi annui dell’ultimo triennio (se disponibile). Il CA viene aggiornato ogni anno, con l’applicazione a decorrere dal 1° gennaio. In mancanza di dati di misura rilevati, il CA sarà pari al valore medio per tipologia di utenza simile (art. 10 delibera ARERA n. 218/2016/R/IDR).

Consumo medio giornaliero

È pari al consumo medio annuo (CA) diviso 365 giorni ed è utilizzato per il calcolo del consumo stimato in caso di fatturazione in acconto.

Contributo di bonifica Villoresi

È il contributo che, qualora dovuto ai sensi della L.R. 31/2008 art. 90 c. 7, viene addebitato in bolletta e successivamente accreditato al Consorzio di Bonifica Est Ticino Villoresi. Come previsto dalla normativa vigente, l’importo serve a finanziare le attività del Consorzio, cioè la distribuzione e la gestione della risorsa acqua ai fini irrigui, la partecipazione alla salvaguardia ambientale e il presidio del sistema idraulico, compresa l'alimentazione delle falde sotterranee. Per ulteriori informazioni consulta il sito www.etvilloresi.it.

Deposito cauzionale versato

È l’importo versato come deposito cauzionale a garanzia del pagamento delle bollette. Il deposito cauzionale iniziale e gli eventuali adeguamenti annuali sono rateizzati in due bollette a decorrere dalla prima bolletta successiva all’attivazione del servizio, ossia al ricalcolo annuale. Il deposito è determinato in misura pari al valore dei corrispettivi dovuti per un massimo di tre mensilità di consumo storico e adeguato annualmente, in relazione all’anno solare precedente. 

Depurazione

Tramite il servizio di depurazione, le acque raccolte dalla fognatura vengono trattate in appositi impianti e rese compatibili con l'ambiente per poter essere reimmesse nei corsi d’acqua. Il corrispettivo per il servizio di fognatura è costituito da una quota fissa indipendente dai consumi e da una quota variabile (€/mc) applicata ai metri cubi di acqua consumata.

Fognatura

Tramite il servizio di fognatura le acque reflue sono raccolte e convogliate tramite la rete fognaria fino al depuratore. Il corrispettivo per il servizio di fognatura è costituito da una quota fissa indipendente dai consumi e da una quota variabile (€/mc) applicata sui metri cubi di acqua consumata. 

Lettura rilevata

Lettura eseguita dal personale incaricato da Gruppo CAP, che rileva il numero riportato sul contatore a una certa data. 

Metro cubo (mc)

Il metro cubo (mc) è l'unità di misura generalmente utilizzata per indicare i consumi di acqua. Un metro cubo equivale a 1.000 litri.

Morosità

È la situazione in cui il cliente si trova se non è in regola con il pagamento delle bollette. Il ritardo nel pagamento della bolletta comporta l’addebito di interessi di mora. Il mancato pagamento può portare in alcuni casi alla sospensione della fornitura.

Oneri di perequazione

Si tratta di addebiti a carico dei clienti del servizio idrico determinati dall’Autorità di Regolazione (ARERA) e volti a compensare costi sostenuti nell'interesse generale del sistema, quali ad esempio quelli riferiti ad agevolazioni tariffarie previste a favore delle utenze situate nei comuni danneggiati da eventi sismici (UI1), alla promozione della qualità del servizio (UI2), alla perequazione dei costi relativi all’erogazione del bonus sociale idrico (UI3) e alla copertura dei costi di gestione del Fondo di Garanzia delle opere idriche (UI4).

Quota fissa

È un importo addebitato in bolletta che si paga indipendentemente dal consumo e quantificata per singolo servizio erogato (acquedotto, fognatura e depurazione). Copre una parte dei costi fissi che il gestore sostiene per erogare i servizi. Per le utenze ad uso domestico residente è addebitata una quota fissa giornaliera pro capite in base al numero dei residenti fino a un massimo di tre persone per unità abitativa. Per le utenze domestiche non residenti e per le utenze condominiali è applicata in base al numero e alla destinazione d’uso delle unità immobiliari e per le utenze non domestiche in base al diametro del contatore.

Rateizzazione

È la suddivisione in rate dell'importo dovuto. La richiesta di rateizzazione del pagamento deve essere fatta entro 10 giorni dalla scadenza della bolletta, inviando una mail a rateizzazioni@gruppocap.it oppure telefonando al servizio clienti 800.428.428.

Scaglioni

Esiste anche una quota variabile dei servizi di acquedotto che è articolata per scaglioni, cioè per fasce di consumo: una fascia a tariffa agevolata solo per utenze residenti a uso domestico e a uso condominiale, determinata in 33 metri cubi anno pro capite; una fascia a tariffa base e tre fasce di eccedenza a tariffe crescenti.
Per le utenze a uso domestico e condominiale, i limiti massimi degli scaglioni sono pari al doppio dello scaglione precedente. Il limite dello scaglione a tariffa base è il doppio del limite dell’agevolata, quello della prima eccedenza è il doppio della base e così via. Per le utenze a uso non domestico, il primo scaglione a tariffa base è valido fino a 200 mc/anno e i limiti massimi degli scaglioni successivi sono pari al triplo dello scaglione precedente. 

Servizio Idrico Integrato

Sono l’insieme dei servizi di acquedotto, fognatura e depurazione. Nella bolletta sono addebitati i costi dei tre servizi, se dovuti.