Tariffe

Le tariffe sono imputabili ai differenti servizi che ti eroghiamo:

  • il servizio di acquedotto
  • il servizio di fognatura
  • il servizio di depurazione

Il corrispettivo per il servizio di acquedotto si calcola applicando le tariffe previste per ogni tipologia di uso al volume di acqua fornita espresso in metri cubi, quelli dei servizi di fognatura e di depurazione, ai sensi dell’articolo 155 comma 4 del D. Lgs. 152/2006 (Codice dell’Ambiente), si determinano applicando la tariffa prevista per il volume di acqua scaricata espresso in metri cubi e definito in misura pari al cento per cento del volume di acqua fornita o prelevata.

Per il servizio di acquedotto sono previsti per ogni Comune tre livelli tariffari: agevolato, base e di eccedenza.

Le diverse tipologie di uso per l'applicazione delle tariffe del servizio di acquedotto sono:

  • uso domestico/civile
  • altri usi (industriale, commerciale, uffici, agricolo - senza allevamento animali, provvisori tutti)
  • uso agrozootecnico - esclusivamente per allevamento animali (ex. L.144/1989)

Nel caso di uso domestico, la tariffa agevolata si applica al consumo fino al minimo impegnato, pari a un massimo di 25 metri cubi a trimestre per appartamento, mentre la tariffa base ai consumi oltre il minimo impegnato. 

Nel caso di altri usi, la tariffa base si applica al consumo fino al minimo impegnato, definito in funzione del diametro del contatore. Ai consumi oltre il minimo impegnato si adotta la tariffa di eccedenza. Il minimo impegnato è previsto anche in assenza di consumo. 

Nel caso di uso agrozootecnico, la relativa tariffa si applica ai consumi effettuati. Il minimo impegnato è previsto anche in assenza di consumo

 

Per il servizio di fognatura e di depurazione si adotta una specifica tariffa per ogni Comune o frazione di Comune. Il corrispettivo del servizio di fognatura e di quello di depurazione sono calcolati applicando la tariffa prevista al volume di acqua scaricata, espresso in metri cubi e determinato in misura pari al cento per cento del volume di acqua fornita o prelevata da pozzo privato.

Le tariffe nella Città Metropolitana di Milano

 L’Autorità per l’Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico, con deliberazione n. 503/2016/R/IDR del 15/09/2016 ha approvato:

  •  il valore del moltiplicatore theta per l’anno 2018, predisposto dall’Ufficio d’Ambito della Città Metropolitana di Milano, pari a 1,096 da applicarsi alle tariffe in vigore al 31/12/2015; rimangono invariata le tariffe per i servizi di acquedotto dei Comuni di Corsico (per la parte non gestita da CAP Holding S.p.A.) e Arluno, nonché per il servizio di fognatura per il Comune di Robecchetto con Induno;
     
  • il processo di convergenza tariffaria, avviato dall’Ufficio d’Ambito della Città Metropolitana di Milano, secondo quanto previsto dall’art. 37 dell’Allegato A della deliberazione AEEGSI n. 664/2015/R/IDR, con l’obiettivo di pervenire ad un unico ambito tariffario, coincidente con il perimetro di attività del Gestore Cap Holding S.p.A. sull’ATO Città Metropolitana di Milano;
In applicazione, pertanto, alla suddetta deliberazione, le quote di tariffa per singolo Comune e servizio che saranno applicate da Gruppo CAP sono indicate nelle tabelle sottostanti.

 

Le tariffe in provincia di Varese

Per il Comune di Gorla Minore si applicano le tariffe in continuità con il precedente gestore Amga Legnano S.p.A.

Le diverse tipologie di uso per l'applicazione delle tariffe del servizio acquedotto sono:

  • uso domestico;
  • altri usi;
  • enti pubblici.

 

L’Ufficio d’Ambito di Varese con delibera n. 42 del 25/09/2017 ha approvato lo schema regolatorio del Sistema Idrico Integrato per il periodo 2016/2019 secondo quanto previsto dall’art. 37 dell’allegato A della delibera AEEGSI n. 664/2015/R/IDR. Per l’anno 2018 il valore del moltiplicato theta è pari a 1,208. 

 

Dettaglio Tariffe  

 

 

Per le tariffe del Comune di Castellanza si veda quanto indicato nel paragrafo Le tariffe nella Città Metropolitana di Milano