PERFORM WATER 2030

La piattaforma per il futuro dell’acqua è online

 PerFORM WATER 2030, la prima piattaforma italiana di ricerca e sperimentazione per affrontare le sfide del servizio idrico integrato, ha il suo sito web: performwater2030.it In questo modo sarà possibile seguire l’andamento di un progetto che, presentato da Gruppo CAP nel gennaio di quest’anno e sostenuto da Regione Lombardia per il suo alto livello di innovazione, rappresenta un unicum nel nostro Paese.


Per la realizzazione di  PerFORM WATER 2030, Gruppo CAP,  capofila del progetto, ha costituito un network di 8 realtà industriali, e 3 fra università e centri di ricerca che, per 30 mesi e con un approccio multidisciplinare, lavoreranno fianco a fianco su quelli che sono oggi i settori strategici del sistema idrico integrato: la qualità dell’acqua, il recupero di energia e risorse in ottica di economia circolare, l’analisi dei costi e della tariffazione.
 

Le realtà coinvolte sono: il Politecnico di Milano, con la sua Fondazione, cui è delegato il coordinamento scientifico, affidato a Francesca Malpei, docente dell’ateneo milanese, l'Istituto di Ricerca sulle Acque del Consiglio Nazionale delle Ricerche (IRSA-CNR) e l'Università degli Studi di Milano-Bicocca. Tra le aziende, invece, figurano GeneGIS GI, con sede a Milano e in altre città italiane, che fornisce sistemi informativi per l’ambiente; la lodigiana Hydep, la cui attività si concentra su produzione, stoccaggio e recupero di idrogeno; la milanese MMI, che si occupa invece di modellistica e monitoraggio idrologico. C’è poi Passavant Impianti, azienda di Novate Milanese (MI), attiva nel settore degli impianti per il trattamento delle acque; ma anche la comasca SEAM Engineering (Lomazzo, CO), specializzata nella realizzazione di impianti in campo ambientale. Presente il gruppo del settore chimico SIAD, con sede a Bergamo; VEOLIA, leader globale nel trattamento delle acque municipali e industriali e VOMM, azienda con sede a Rozzano (MI) e filiali in tutto il mondo, dal Brasile all’Ucraina, che realizza impianti per il trattamento e valorizzazione energetica dei fanghi.

PerFORM WATER 2030, la cui definizione ufficiale è Platform for Integrated Operation Research and Management of Public Water towards 2030, sviluppa le sue attività di sperimentazione in un contesto di contaminazione di idee, progetti e conoscenze, sullo sfondo di alcune delle sfide ambientali e sociali più importanti, come la riduzione della produzione di fanghi e delle emissioni atmosferiche.
 


torna all'elenco