Usare l'acqua

L'educazione all'uso responsabile dell'acqua è un impegno costante del Gruppo CAP. E' per noi un esempio concreto di cosa significa adottare il modello del valore condiviso. Invitare i cittadini a non sprecare inutilmente un bene prezioso, avviare campagne di ricerca e riparazione delle perdite significa, infatti, proteggere il valore di un bene aziendale e allo stesso tempo creare cultura e promuovere comportamenti sostenibili.

Da sapere: Le risorse idriche del pianeta

Il nostro pianeta dispone di circa 1,4 miliardi di Km³ d’acqua ma si stima che solo 9-14 mila Km³, pari a circa lo 0,001% del totale, siano effettivamente disponibili per l’utilizzo da parte dell’uomo. Le risorse di acqua dolce sono distribuite sulla Terra in modo disomogeneo e presentano uno sbilanciamento dell’allocazione delle risorse idriche verso il settore agricolo, con il 70% dei consumi di acqua dolce, mentre il 22% riguarda l’industria e il restante 8% è ad uso domestico.

Inoltre, più di una persona su sei nel mondo non raggiunge gli standard minimi di consumo d’acqua necessari ad assicurare i bisogni primari legati all’alimentazione e all’igiene, indicati dall’ONU in 20-50 litri di acqua dolce giornalieri

Da sapere: Le 10 regole per risparmiare l’acqua

1. Applica un riduttore di flusso per non sprecare l’acqua: l’acqua si miscela con l’aria e avrai un gettito più voluminoso, risparmiando fino al 30% di acqua;

2. Scegli la doccia invece del bagno: in media, riempire la vasca comporta un consumo d’acqua quattro volte superiore rispetto alla doccia;

3. Tieni aperto il rubinetto solo per il tempo necessario: mentre ti lavi i denti o ti fai la barba puoi chiuderlo;

4. Scegli elettrodomestici di classe A+ progettati per ridurre il consumo di acqua e cerca di usarli sempre a pieno carico;

5. Lava piatti, frutta e verdura in una bacinella e usa acqua corrente solo per il risciacquo. L’acqua di cottura di pasta e patate, inoltre, è molto sgrassante;

6. Innaffia le piante di sera: dopo il tramonto l’acqua evapora più lentamente. Scegli un getto vaporizzato;

7. Scegli uno sciacquone con lo scarico differenziato: in caso di perdite continue verifica le guarnizioni e il funzionamento del galleggiante;

8. Fai un controllo periodico chiudendo tutti i rubinetti: se il contatore dell’acqua gira lo stesso c’è una perdita. Provvedi subito a ripararla;

9. Se lavi l’auto usa il secchio e la spugna: risparmierai molta acqua rispetto al getto della canna;

10. Raccogli l’acqua piovana: potrai usarla per usi non potabili, come lavare l’auto o innaffiare il giardino.

La ricerca delle perdite

Il Gruppo CAP è impegnato nel raggiungimento dell’obiettivo della riduzione delle perdite idriche del 5%. Ecco le attività messe in campo per raggiungere il traguardo:

  • sostituzione dei contatori obsoleti
  • ricerca e riparazione perdite programmata
  • Sostituzione delle reti vecchie e obsolete
  • sostituzione delle prese antincendio senza contatore con prese antincendio con contatore
  • Effettuazione di letture sempre più sistematiche al fine di ridurre le discontinuità un anno con l’altro
  • Regolarizzazione delle utenze ancora prive di contatore

 

Il piano di ricerca delle perdite

 

Usare l’acqua in modo responsabile

Ridurre i consumi, contenere i costi e alleggerire la bolletta idrica a vantaggio delle casse comunali e dell’ambiente sono gli obiettivi primari del progetto della realizzazione di pozzi di prima falda per irrigare campi sportivi e aree verdi. I progetti di educazione che coinvolgono centinaia di scuole e migliaia di ragazzi che imparano a scoprire l’acqua grazie a “Fontana Jones”, la partecipazione ai più importanti eventi nazionali e locali, rappresentano concretatamente il nostro impegno quotidiano nella promozione dell’uso responsabile dell’acqua.

 

Le Case dell’Acqua per la sostenibilità

Per valorizzare la qualità dell’acqua di rete e promuoverne un uso consapevole, il Gruppo CAP realizza le Case dell’acqua, per la distribuzione ai cittadini di acqua naturale e frizzante proveniente dall’acquedotto cittadino. Costruite all'interno di parchi e spazi verdi, in armonia con l'ambiente, le Case dell’Acqua si prestano anche a diventare luoghi in cui promuovere comportamenti ecologicamente sostenibili e importanti occasioni di riqualificazione ambientale di parchi e strutture spesso abbandonate, come fontane pubbliche ed ex-lavatoi.

 

Scopri di più sulle case dell’acqua

Visualizza la carta dei servizi

Vai