Deposito cauzionale

Il deposito cauzionale è stato introdotto dalle Delibere dell’Autorità per l’energia, gas e sistema idrico n. 86 del 28.02.2013 e 643 del 27.12.2013. Si tratta di una somma a titolo di deposito a cui il gestore andrà ad attingere in caso di morosità del cliente. Il deposito cauzionale è entrato in vigore dal 1 gennaio 2014 e l'individuazione della somma è stabilita sulla base del consumo storico (definito come il consumo dell'utente finale riferito all'anno solare precedente) o, se tale dato non è disponibile, la stima della fascia di consumo di riferimento viene determinata in base ai consumi che il gestore ritiene possano essere attribuiti all'utente finale in relazione alle informazioni disponibili e, in particolare, alla destinazione d'uso della fornitura e, per gli utenti domestici, al numero dei componenti del nucleo familiare.

In particolare l’importo del deposito cauzionale è calcolato in misura pari al valore dei corrispettivi dovuti per un massimo di tre mensilità di consumo riferite all’anno solare precedente, pertanto viene rideterminato ogni anno sulla base dei consumi rilevati. Non sono tenuti a versare il deposito i clienti con consumi fino a 500 mc annui che pagano la bolletta con domiciliazione bancaria. 
 
Attiva la domiciliazione bancaria e ti restituiremo il deposito nella prima bolletta utile.

 

 

Disciplina del deposito cauzionale

scarica

Delibera del metodo tariffario idrico

scarica

Allegato A (art. 34 - deposito cauzionale)

scarica

Visualizza la carta dei servizi

Vai