Life2014 Progetto ELECTROSLUDGE

 

Il Gruppo CAP insieme al Politecnico di Milano è partner del progetto Electrosludge aggiudicato, nel settembre 2015, ad AST System Automation, azienda specializzata in sistemi per l’automazione industriale, un finanziamento LIFE nell’ambito del programma dell’Unione Europea per la salvaguardia dell’ambiente, della natura e del clima.
 

Il progetto ELECTROSLUDGE, finanziato per il 60% dei costi, punta ad applicare tecnologie avanzate e innovative per la disidratazione dei fanghi di scarto.
Grazie ad un processo di elettro-osmosi ad elevata efficienza energetica si potranno disidratare fanghi urbani provenienti da impianti di trattamento delle acque reflue fino a un tenore nel contenuto secco del 30%: riducendone il peso si faciliterà quindi il loro smaltimento finale a favore di una maggiore efficienza degli impianti, di una diminuzione dei costi di gestione e soprattutto di un beneficio ambientale.

Obiettivi principali dell’attività di ricerca riguardano: il miglioramento dell’efficienza di disidratazione con possibilità di raggiungere concentrazioni di secco intorno al 30% o superiori in particolare per fanghi per i quali normalmente risulta difficoltoso superare concentrazioni di secco superiori al 18-20%; l’uso di pannelli fotovoltaici integrati in modo da fornire fino al 15% dell’energia richiesta dal sistema; ridurre le emissioni di CO2 per effetto della riduzione dei volumi di fanghi da trasportare per lo smaltimento finale; riduzione dell’utilizzo di suolo nel caso di smaltimento finale in discarica; riduzione della concentrazione di metalli pesanti nei fanghi; verifica della possibilità di ridurre la carica batterica nei fanghi digeriti. 
 

Il progetto si articola in diverse fasi partendo dall’analisi approfondita dei fanghi prodotti dagli impianti i depurazione gestiti da CAP nell’area della citta Metropolitana di Milano con particolari tecniche finalizzate ad individuare i criteri di scelta ottimale per i fanghi da trattare in relazione alle specifiche caratteristiche della soluzione tecnologica oggetto della ricerca. Prove preliminari in laboratorio forniranno i dati di riferimento per le successive sperimentazioni in campo.
Sulla base dei risultati ottenuti si procederà alla ottimizzazione della progettazione e alla realizzazione dell’unità pilota da utilizzare per le prove in campo. 
 

 

La sperimentazione sarà  sviluppata in diversi impianti di depurazione al fine di confermare la validità del sistema con fanghi di diverse caratteristiche analizzando nel contempo tutti gli aspetti funzionali e operativi del sistema anche riguardo l’impatto ambientale della tecnologia. Particolare attenzione è posta riguardo il contenimento dei consumi di energia anche mediante l’utilizzo di pannelli fotovoltaici integrati nell’unità pilota.
CAP metterà a disposizione per il progetto, che si svilupperà in 4 – 5 anni, campioni di fanghi da diversi impianti di depurazione; inoltre verrà sperimentato il prototipo in scala industriale realizzato da AST su quattro depuratori del Gruppo.

Poster di sintesi del progetto

 

Poster R1

scarica

Poster R2

scarica

Visualizza la carta dei servizi

Vai